Castellammare , i Cinque Stelle: ‘La chiusura della stazione di Ponte Persica ennesimo disservizio per i cittadini’

“Possibile chiudere una stazione strategica senza dare alternative a pendolari, studenti e lavoratori? Per noi no. Se si chiude l’unico mezzo di trasporto pubblico di fondamentale collegamento con il centro di Pompei e gli altri comuni vesuviani, e’ d’obbligo provvedere a programmare e ad attivare un servizio sostitutivo su gomma, per non isolare una comunita’”. Cosi’, in una nota, il consigliere regionale campano del Movimento 5 stelle Luigi Cirillo che, questa mattina, ha depositato un’interrogazione a risposta scritta al presidente della Giunta regionale della Campania. “La mancata previsione di mezzi di trasporto alternativi – ha continuato Cirillo – pregiudica il diritto alla mobilita’ degli utenti. Facciamo presente che nei giorni scorsi e’ stato emanato un comunicato ufficiale dell’Eav srl con il quale si annunciava l’inattivita’ della stazione circumvesuviana di Ponte Persica, per consentire la realizzazione dei lavori di raddoppio sulla tratta Torre Annunziata – Castellammare”.”La periferia di Castellammare e’ cosi’ densamente abitata da risultare inaccettabile che la circumvesuviana proceda unilateralmente alla chiusura di una stazione strategica”, hanno dichiarato i consiglieri comunali M5S di Castellammare di Stabia Vincenzo Amato e Mara Murino, per i quali “Operazioni del genere devono essere concordate e condivise. Ci batteremo con tutte le forze affinche’ non avvenga questo scempio”. “Chiediamo a questa Giunta regionale quali provvedimenti intenda assumere per risolvere la problematica evidenziata e garantire ai cittadini di Ponte Persica la mobilita’ verso i territori limitrofi e in particolare se ha previsto delle soluzioni alternative di collegamento”, ha concluso Cirillo.