Il Governo stanzia più risorse per le Regioni e arriva il ‘salva-Napoli’

 

Gli enti locali possono tirare un sospiro di sollievo per il prossimo anno. Nell’esame parlamentare della manovra sono state trovate le risorse per limitare i tagli ai bilanci delle Regioni e sono in via di definizione anche quelle destinate a Province e citta’ metropolitane. I Comuni che rischiano il default avranno invece un arco di tempo piu’ lungo per ripianare gli squilibri finanziari, anche nel caso in cui abbiano gia’ ricevuto, come nel caso di Napoli, l’avvertimento della Corte dei Conti. Come annunciato e come ratificato anche dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, il governo ha stanziato il prossimo anno per le Regioni 375 milioni in piu’, di cui 75 destinati a garantire il trasporto scolastico per i bambini ed i ragazzi affetti da disabilita’. Altri 76 milioni arriveranno per le Province, in modo da assicurare la manutenzione di scuole superiori e strade di loro competenza. Regioni e Comuni potranno procedere alla stabilizzazione dei lavoratori precari, mentre per le amministrazioni meno popolose viene rafforzato con 60 milioni lo stanziamento attualmente pari a 100 milioni del Fondo Piccoli Comuni.
La vera novita’ arriva pero’ con la cosiddetta norma ‘Salva-Napoli’. Due emendamenti a firma Pd, sintesi di un tema sponsorizzato anche da Forza Italia, permettono infatti ai Comuni in difficolta’ finanziaria di riscrivere i propri piani di riequilibrio spalmandoli non piu’ su 10 anni ma fino ad un massimo di 20. Piu’ ampi sono gli squilibri piu’ tempo e’ concesso all’amministrazione per modulare il risanamento dei conti. Le risorse da destinare complessivamente agli enti locali sono state individuate nel pagamento della concessione dell’AutoBrennero (160 milioni nel 2018) e nelle misure di potenziamento della lotta all’evasione nel settore dei carburanti da cui e’ atteso l’anno prossimo un gettito di circa 125 milioni, che sale ad oltre 300 negli anni successivi. Via libera infine anche all’allargamento dell’Ape social.
La platea dei destinatari si estende ad un totale di 15 categorie di lavoratori ‘gravosi’, includendo quindi le 4 in piu’ per le quali e’ stato gia’ deciso al Senato di evitare l’aumento dell’eta’ pensionabile a 67 anni a partire dal 2019 (braccianti e operai agricoli, siderurgici di prima e seconda fusione, marittimi e pescatori). La modifica prevede anche il rafforzamento dello sconto per le madri-lavoratrici, che si vedranno ridurre di 1 anno per ogni figlio i requisiti per l’accesso, anziche’ i 6 mesi indicati nel testo originario della legge di Bilancio, ma sempre con il limite massimo di 2 anni. Per mantenere fede all’accordo con Cisl e Uil, l’emendamento del governo e’ stato approvato nel suo impianto originario con un’unica piccola modifica sponsorizzata da Luisa Gnecchi, capogruppo Pd in Commissione Lavoro: potranno accedere all’anticipo pensionistico non piu’ solo i genitori o figli ma anche i familiari conviventi che assistono persone disabili.