Masterclass di tromba con il maestro Fabrizi all’Associazione De Bellis di Torre del Greco

Il 9 e 10 dicembre, l’Anbima Regione Campania, ha organizzato un masterclass di tromba con il maestro Fabrizio Fabrizi, prima tromba del Teatro San Carlo di Napoli. Professionista di fama internazionale il maestro Fabrizi collabora con i più importanti direttori d’orchestra ed è stato l’unico trombettista italiano invitato a fare il concorso alla London Symphony  Orchestra. L’evento realizzato con il contributo del Ministero dei Beni Culturali, si è tenuto a Torre del Greco presso l’Associazione Musicale De Bellis diretta dal maestro Izzo, e vi hanno partecipato numerosi allievi giunti da tutta la regione.
Il maestro Fabrizi ha motivato i giovani ad impegnarsi nello studio per eccellere nella loro disciplina. In un momento in cui le attività musicali e culturali in genere, vivono grande difficoltà, il Maestro Fabrizi ha chiesto agli allievi di inseguire i propri sogni andando oltre le difficoltà, mettendosi in gioco, perfezionandosi  anche dopo gli studi al conservatorio,cercando sempre un confronto con altri musicisti professionisti in Italia e all’estero, per carpire ad ogni maestro qualcosa che possa contribuire alla loro crescita. “I giovani hanno il dovere  di credere nella musica e devono capire che di musica si può vivere a patto che essa venga studiata ad altissimi livelli e con molti sacrifici” spiega il maestro Fabrizi.
Dello stesso avviso anche il maestro Vincenzo  Pignataro, docente di tromba dell’Associazione De Bellis: ” i ragazzi devono studiare e non devono fermarsi ai primi ostacoli. Per fare cultura e farla bene c’è bisogno di impegno, costanza e e passione. La musica è una continua scoperta e solo con umiltà e studio appassionato si possono raggiungere risultati eccellenti e ottenere importanti affermazioni professionali”. Entusiasti del masterclass gli allievi, che hanno notato anche, come il maestro Fabrizi li abbia invitati a suonare nelle bande musicali per crescere e stare a contatto con gli altri musicisti, infatti lui stesso continua a fare concerti con la banda del suo paese.