Arrestati a Viterbo i due killer di Enzo Amendola

I poliziotti della Squadra Mobile di Napoli hanno localizzato, fermato ed arrestato a Viterbo, Gaetano Formicola e Giovanni Tabasco 21enni ritenuti responsabili dell’omicidio di Vincenzo Amendola avvenuto lo scorso 5 Febbraio. Il 18enne, il cui corpo senza vita fu stato ritrovato nelle campagne della periferia orientale di Napoli nei pressi di una scuola, fu ucciso a sangue a freddo. Gaetano Formicola, 20 anni, preso oggi dalla Squadra Mobile della Questura di Napoli a Viterbo insieme a Giovanni Tobasco, 20 anni, è figlio del boss detenuto dell’omonimo clan Antonio Formicola. La dinamica dell’omicidio di Vincenzo Amendola, 18 anni, venne descritta agli inquirenti da Gaetano Nunziato, 23 anni, amico della vittima, fermato dalla Polizia lo scorso 19 febbraio dalla Polizia. Amendolaf u  ucciso la notte tra il 4 e 5 febbraio scorsi e trovato 14 giorni dopo, sotterrato in un terreno del quartiere San Giovanni a Teduccio di Napoli. I killer gli spararono due colpi: uno all’occhio e l’altro, fatale, alla tempia. Del suo caso si occupò anche “Chi l’ha visto?’: i genitori rivolsero un appello accorato perche’ tornasse a casa.

Articolo precedenteTerrorista iracheno arrestato in penisola sorrentina: faceva l’affittacamere per i turisti
Articolo successivoTerrorismo, il sindaco di Sorrento: “Speriamo sia un episodio isolato”