Voto di scambio durante le ultime elezioni comunali a Castellammare: interrogati tre consiglieri comunali. L’inchiesta della Procura di Torre Annunziata, nata dopo la messa in onda su La7 di un servizio in cui uno stabiese raccontava di aver guadaganto oltre duemila euro per aver portato a votare un centinaio di persone, ha avuto una accelerata. Ieri i tre  politici sono stati ascoltati dalla polizia “come persone informate dei fatti”. Non risultano indagati ma sicuramente avranno dovuto fornire spiegazioni agli investigatori. I loro nomi dovrebbero essere tra quelli fotografati sulle schede elettorali al momento del voto dagli elettori e le cui foto sono in possesso degli investigatori. Un’inchiesta che si preannuncia complessa ma sulla quale sia il sindaco eletto Antonio Pannullo del centro sinistra sia il suo competitor del centro destra Gaetano Cimmino hanno chiesto che si faccia chiarezza per il bene della città. Prima dei tre politici erano stati interrogati dalla polizia alcune delle persone a cui erano stati sequestrati i telefonini all’uscita dalle operazioni di voto. Al vaglio degli investigatori ci sono anche una serie di filmati fatti durante le elezioni ma anche durante i festeggiamenti per capire se i clan abbiano influenzato la competizione elettorale e se i volti di alcuni pregiudicati erano presenti durante la festa per il neo sindaco.

Redazione Cronache della Campania