Il “sogno americano” realizzato di Alessio, il giovane pizzaiolo del Vomero diventato una star negli States

L’America mi ha dato e mi ha tolto molto. Ma qui niente è impossibile e a 25 anni mi sento soddisfatto”: ha iniziato a lavorare come lavapiatti in una pizzeria del Vomero, ora Alessio Lacco fa il consulente per insegnare agli americani l’arte della pizza e del cibo italiano. Incarna il sogno americano questo giovane napoletano, nato e cresciuto al Vomero che, dopo aver vissuto in diverse città americane, si è stabilito a Evansville in Indiana, dove in sei mesi è riuscito a creare tutto quello che in Italia probabilmente avrebbe creato in vent’anni di duro lavoro.

Mi sono trasferito in America diversi anni fa, qui faccio il pizzaiolo, gli americani apprezzano molto la nostra cucina. In meno di 6 mesi, sono stato invitato in tv locali e ho rilasciato interviste su diversi giornali” dice Alessio. E’ partito per l’America, la prima volta, quando aveva sedici anni per passare le sue estati a New York con il papà odontotecnico, emigrante calabrese. Ma la sua vita era a Napoli dove si è diplomato all’Itc del Vomero e dove passava le sere a lavorare a ‘L’Arte della pizza’ di via Cilea. “Facevo il lavapiatti e piano piano ho conquistato la fiducia del proprietario che mi ha messo a lavorare in pizzeria” ricorda il giovane emigrante. Probabilmente sarebbe rimasto tanti anni ancora a fare il dipendente se all’età di 21 anni non avesse deciso di credere nel sogno americano. “A 21 anni mi sono trasferito definitivamente qui, prima a Dallas per un anno e mezzo dove lavoravo come pizzaiolo in una pizzeria napoletana e poi a San Francisco” ricorda ora Alessio. Ma a San Francisco, pur guadagnando 5mila dollari al mese, non riusciva a mantenersi. “Lì la vita è troppo cara e quindi sono ritornato in Italia”. L’America cambia la vita e a Napoli nonostante gli affetti, gli amici e la bellezza della città Alessio non è riuscito a rimanere. “Quando sono arrivato a Napoli, la vedevo con occhi diversi. Sono innamorato di questa citta e mi manca tutto. Il cibo, le uscite con gli amici, le partite a pallone. Peró capisco che in 2 anni in America ho costruito piu relazioni e contatti lavorativi che in Italia, ho deciso di ripartire e ricominciare come consulente della pizza napoletana”. A 25 anni Alessio Lacco insegna agli americani come aprire un ristorante, come fare la pizza, la pasta, la mozzarella, il pane. L’arte che ha imparato a Napoli. “Ed eccomi qui al Pangea Kitchen, il ristorante che abbiamo aperto 6 mesi fa e sta avendo un successo enorme. Tv, giornali parlano di noi e tra i nostri clienti vi sono tutti i vip locali – dice Alessio –. La città è piccola qui le persone sono redneck, non molto propensi alla vera cucina italiana. Però piano piano li stiamo convertendo”. Alessio, vive a EvansVille in Tennessee, ha deciso di raccontare a tutti del suo successo ed ha creato ‘Muzzili’ un canale youtube dove narra della sua vita americana, un canale che gli tiene compagnia nei momenti di malinconia e solitudine. L’Italia è un amore che non si può dimenticare. “Ho creato un bel gruppo di utenti e questo mi fa felice nei momenti bui della solitudine in America – dice Alessio –. Dell’Italia mi manca la mia famiglia, mia mamma in particolare, ma qui ho avuto la possibilità di comprarmi una macchina nuova. Ho un conto in banca con carte di credito. Sto per comprare la mia prima casa, ed ho solo 25 anni. Penso che tutto questo un ragazzo della mia età senza agganci, non l’avrebbe mai potuto fare. Sono partito da zero. E mi sento soddisfatto”. Alessio Lacco vive la sua vita da emigrante di successo e lancia un messaggio ai suoi coetanei: “Bisogna essere coraggiosi e fare così Because nothing is impossible‘”. Si perché in America niente è impossibile.