Un bimbo di due anni e’ ricoverato a Napoli all’ospedale Santobono con ustioni sul 40% del corpo per un incidente domestico. Il fatto e’ accaduto ieri intorno alle 21,15 nel quartiere di Scampia, in un appartamento di viale della Resistenza, nella Vela rossa. In casa, in quel momento, una giovane donna con i suoi figli che preparava la cena. Mentre era intenta ai fornelli, il piu’ piccolo giocava con il fratello maggiore, che lo ha spintonato verso la cucina, causando il rovesciamento di una pentola piena di acqua in ebollizione. Il liquido si e’ riversato sul bambino. Una vicina di casa, ascoltata poi dalla polizia che indaga sull’accaduto, ha subito portato il minore all’ospedale Cardarelli. Ma da qui e’ stato trasferito al nosocomio pediatrico dove e’ in osservazione per ustioni di media entita’, ma non e’ in pericolo di vita. Anche i medici hanno confermato la compatibilita’ delle lesioni sul corpo del bambino con quelle causate dall’acqua bollente. Dai racconti della vicina e della madre ricostruito l’incidente domestico.

Redazione Cronache della Campania