Fratello e sorella, rispettivamente di 51 e 50 anni, sono venuti alle mani dinanzi alla tomba della madre defunta. I due si sono incontrati dinanzi al loculo della madre per caso nel cimitero di Avellino e i dissapori, legati a questioni di eredità, sono subito riaffiorati. In tanti, tutti coloro che ieri mattina si erano recati al cimitero per far visita ai loro cari defunti, hanno assistito all’insolita scena e alla violenta litigata. Dalle parole i due consanguinei sono venuti subito alle mani. A nulla sono valsi i tentativi dei presenti di separare i due accecati dalla rabbia. Ad avere la peggio la donna che ha riportato diverse contusioni al volto. Come riporta ledizione di Avellino de Il Mattino sul posto, allertati dagli altri presenti, sono giunti gli operatori del 118 e gli agenti della squadra Volanti della Questura di Avellino per soccorrere la malcapitata e tentare di sedare gli animi. La donna ascoltata dagli agenti ha riferito che la discussione con il fratello sarebbe iniziata proprio a causa della sua presenza dinanzi alla tomba della madre morta. Una visita alla madre defunta non gradita, a quanto pare, dalla sorella che non avrebbe perso l’occasione per esternare il suo disappunto e per questa ragione sarebbe stata aggredita. Dapprima tra i due sono volate parole grosse, ma la situazione è ben presto degenerata con l’aggressione fisica subita dalla cinquantenne. La donna è stata soccorsa dal personale del 118 e le sue ferite sono state giudicate guaribili in pochi giorni. Al termine degli accertamenti del caso effettuati dagli uomini di via Palatucci, l’uomo è stato denunciato per lesioni volontarie. In tanti hanno notato la presenza inusuale nel luogo sacro della Polizia e dell’ambulanza e non appena si è diffusa la notizia dell’accaduto nel cimitero di Avellino, c’è stata la corsa per giocare i numeri. Molti hanno fatto ricorso alla smorfia per interpretare la combinazione vincente e tentare la fortuna.

Contenuti Sponsorizzati