Camorra, clan Mariano: oltre 130 anni di carcere, 24 al boss pentito Marco. assolto Ciro. TUTTE LE CONDANNE

Clan Mariano dei Quartieri Spagnoli: ventisei condanne e 14 assoluzioni al termine del processo che si è chiuso stamattina con il rito abbreviato dinanzi al gip Maria Luisa Miranda contro la cosca dei Picuozzi che da oltre un ventennio controlla gli affari illeciti nella city di Napoli. Nonostante il  suo pentimento e le lettere alla corte lo stratega del clan Marcuccio Mariano è stato condannato a 24 anni e due di carcere così come richiesto dalla Dda anche se proprio oggi il pm Michele Del Prete  aveva chiesto le attenuanti generiche per la confessione giunta alla fine del processo. Assolto invece il superboss Ciro, il fratello maggiore che  tra un anno circa potrebbe anche uscire dal carcere. L’inchiesta era partita dalle dichiarazioni di alcuni pentiti e poi si era arrichhietta con la collaborazione prima del braccio destro del boss Marco Mariano, ovvero Maurizio Overa e poi dello stesso capo cosca due mesi fa. Pentimento tardivo per la corte. Assolto invece l’imprenditore Patrizio Franco,che era indicato come riciclatore di proventi sospetti e l’autista privato del boss pentito Marco. Anche la moglie, Elvira Taglialatela, e la sorella Daniela Franco furono coinvolte nell’operazione: entrambe sono state assolte.Assolti anche Antonio Di Meglio  Mariano Mara e Concetta Tecchio, moglie del boss Ciro Mariano

Queste le condanne: Antonio Cardaropoli, sei anni; Antonio Castaldo, sei anni; Patrizia Cinque (moglie di Marco Mariano) sei anni; Eduardo de Crescenzo, 6.8 anni; Annamaria Dresda, sei anni; Antonio Esposito, sei anni 416 bis; Antonio Festa, due anni; Umberto Frattini, dieci anni; Luisa Gaetano, sei anni; Costanzo Marrelli, sei anni;

Fabio Mariano (figlio di Ciro), sei anni; Marco Mariano (figlio di Ciro) sei anni; Raffaele Mariano, (figli di Ciro) sei anni; 

Raffaele Mariano, otto anni (figlio di Ciro); Salvatore Mariano (figlio di Ciro), sei anni; Armando Perrella, sei anni e quattro mesi; Maria Quinzio, sei anni; Antonio Masiello, sei anni e quattro mesi. 

Redazione Cronache della Campania