Diego Armando Maradona ha fatto ufficialmente oggi il suo ingresso nella “Hall of Fame del calcio italiano”. Maradona era stato insignito del riconoscimento nel 2014 ma due anni fa non lo aveva potuto ritirare. Oggi El Pibe de Oro ha ricevuto il premio durante la cerimonia della sesta edizione a Firenze in Palazzo Vecchio. “Maradona ha elevato il calcio ad arte pura”, si legge, tra l’altro, nella motivazione. “Non sono un attore, ma ho fatto volentieri anche l’attore con Alessandro Siani per fare qualcosa di buono per la gente di Napoli. E’ andata bene, sono contentissimo di aver fatto anche l’attore”, ha detto Maradona ricordando la sua esibizione di ieri sera al Teatro San Carlo di Napoli. Per consegnare il premio a Maradona, è salito sul palco il sindaco di Firenze, Dario Nardella, che è un tifoso della Fiorentina. “Tutti abbiamo dei problemi”, ha scherzato il campionissimo del Napoli. Qui mi sento dentro al calcio italiano, mi sento a casa. Qui ci sono tanti campioni e tutti hanno fatto felici, in qualsiasi maniera quando prendevano la palla, gli italiani”, ha affermato tra l’altro Maradona. “Vediamo se possiamo fare qualcosa per il Napoli e per il Napoli nel mondo”, ha detto Maradona, confermando le voci di una possibile collaborazione con la società partenopea. “Su Sarri mi sono sbagliato e ho riconosciuto il mio errore su di lui – ha aggiunto Maradona – Mi è piaciuto, poi, il colpetto che la Juventus ha avuto proprio a Firenze. Buffon è comunque un grandissimo” Maradona ha confermato di aver parlato con il presidente del Napoli, Aurelio de Laurentiis, che lo ha invitato per la sfida contro il Real Madrid ed ha accennato ad una possibile collaborazione con la società in un prossimo futuro. “Messi, Dybala e Higuain sono tre grandissimi calciatori. Il primo e’ il migliore di tutti, e’ diverso dagli altri due, entrambi non sanno tenere la palla al piede come Messi. Higuain continuera’ a fare gol, anche se con la palla e’ cosi’ cosi’, mentre Dybala continuera’ a crescere”. Lo ha detto Diego Armando Maradona, che ha ricevuto il premio della ‘Hall of Fame’ nella categoria ‘calciatore straniero’. Maradona e’ stato inserito nel 2014 ma ha ritirato il premio solo oggi. L’ex Pibe de Oro parla anche dei giorni trascorsi a Napoli. “Ci siamo visti con De Laurentiis, abbiamo deciso di fare alcune cose insieme, mi ha invitato per la partita con il Real Madrid. Vediamo se si puo’ fare qualcosa per il Napoli. Sarri? Mi sono sbagliato a giudicarlo. Ho detto quello che pensavo di lui, poi lui ha cambiato le cose e io ho riconosciuto il mio errore. Un allenatore puo’ mettere una squadra in campo e non funziona, poi la cambia e diventa un grande tecnico. Ha fatto punti incredibili, mi piace vedere giocare il Napoli, peccato che la Juve sia sempre sopra. Ha perso a Firenze e questo mi e’ piaciuto. Buffon? Uno dei grandissimi, lo e’ stato per tanto tempo”. Maradona ha regalato al ‘Museo del calcio’ una sua maglia dell’Argentina ed e’ tornato sulla sua partecipazione a uno spettacolo teatrale. “Io attore? No, abbiamo fatto con Siani qualcosa per la gente di Napoli, sono stato un po’ attore, un po’ calciatore. Sono contentissimo di essere tornato a Napoli, e’ casa mia. Palleggiare con i limoni? L’ho fatto con tante cose. Essere qui con tanti campioni mi fa sentire a casa. Chi e’ qui ha fatto felice in qualsiasi maniera la gente italiana”.

 

 

 

M

Contenuti Sponsorizzati