Napoli, il boss del cavallo di ritorno fece sparire pure le casse di patate: “Mia moglie ha fatto i panzerotti”

Rubava di tutto la gang di Carmine Cerrone ‘o pezzotto e nella follia collettiva dei furti i carabinieri hanno scoperto nel corso dell’inchiesta che era stato rubato addirittura un camion con cinquanta casse di patate e cento di pesche. Un business nel business per gli uomini specializzati nel cavallo di ritorno: Ma quella volta qualcosa andò storto. Era il 28 maggio 2016, i militari grazie alle microspie piazzate nelle aiuole sotto casa di Cerrone captano una lunga serie di conversazioni tra ‘o pezzotto e i suoi sottoposti. Tutti sono alla ricerca di un camion carico di frutta che è stato rubato.

Raffaele Caiazzo dice di essere già pronto per il cavallo di ritorno: «Tengo la chiamata».

Caiazzo: «Chi ce l’ha il camion di Qualiano (località in cui è avvenuto il furto, ndr)?».

Cerrone: «Ma quale, quello di questa notte?».

Caiazzo: «Si».

Cerrone: «Sono venuti 50 di loro qua per chiedere notizie».

Caiazzo: «Tengo la chiamata».

Cerrone: «Dobbiamo vedere chi ce l’ha».
Passa qualche ora e Cerrone riesce a stabilire un contatto con i ricettatori del camion, che si presentano sotto la sua abitazione dopo poco tempo. Gli investigatori individuano così anche Giovanni Zazzaro e Salvatore Pesacane.

Cerrone: «Non ha i soldi (riferendosi al proprietario del camion, ndr). Ha detto che il passaggio di proprietà è stato fatto un mese e mezzo fa, ha pagato 1.600 euro, ha chiesto se ha ancora tutta la merce sopra».

Zazzaro: «Già l’ho scaricato».

Cerrone: «Quindi c’è il camion ma senza la merce».
Il 30 maggio il proprietario del veicolo viene rintracciato dalla banda, la trattativa sembra però essere sul punto di arenarsi. La vittima, infatti, dopo aver perso il carico avrebbe fatto anche «un bordello su Internet». La gang prova quindi a vedere il lato positivo della cosa.
Zazzaro: «Ti sei mangiato le patate?».
Cerrone: «Le ha cucinate mia moglie, abbiamo fatto ieri i panzerotti. Le pesche erano buonissime».
Ma il gruppo del “cavallo di ritorno con sede a Scampia non sa ancora che i vigili urbani di Melito hanno ritrovato il Fiat “Daily” rapinato tre giorni prima a Qualiano. Zazzaro infatti dice: «Non è venuto proprio, sai perché non è venuto? Perché forse l’ha trovato lui… Io l’ho spostato di là e me ne sono andato, stamattina sono ritornato lì e il camion non ci stava più».
Cerrone: «E perciò non l’hai trovato più».
Zazzaro: «Adesso o l’ha trovato il proprietario oppure se lo sono rubato, mi devono morire i figli miei, pure se metti un ferro vecchio…».

Redazione Cronache della Campania