Pianura, il post premonitore su facebook del commerciante suicida

“Camminiamo su un filo sottilissimo che è il nostro equilibrio. Ci si mette un’eternità per trovarlo e basta un niente, un gesto, una parola per far crollare tutto”. E’ un post quasi premonitore lasciato l’11 febbraio scorso sulla bacheca facebook dal commerciante  di Pianura, Espedito Ferrara che ieri sera si è suicidato nel garage deposito. Prima del gesto estremo aveva avuto il coraggio e la lucidità di scrivere una lettera alla famiglia. “Questa non è più vita. Troppe umiliazioni non ce la faccio più perdonatemi.Amo la vita ma questa non è più vita, ho sempre aiutato gli altri e non meritavo tutto questo. Non sono un vigliacco. Non sono un vigliacco”. E’ questa parte della lettera di addio che il commerciante Espedito Ferrara di 54 anni ha scritto alla moglie e ai figli prima di sucidarsi nel garage del suo negozio. Ferrara, era molto conosociuto nel quartiere gestiva un negozio di articoli sportivi in via Parroco Giustino Russolillo , vendeva anche i gadget del napoli  e negli ultimi tempi era stato travolto dai debiti. Poi nei giorni scorsi è arrivata la mazzata defintiva di un decreto ingiuntivo da parte di uno dei suoi fornitori, L’uomo in preda all’angoscia e alla disperazione per un futuro pieno di problemi economici per se e la famiglia ieri ha fatto il gesto estremo di impiccarsi.

L

Contenuti Sponsorizzati