Camorra: appalti pubblici ai Casalesi, 70 misure cautelari

Il nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Napoli sta eseguendo in queste ore 70 ordinanze di custodia cautelare. Molti degli indagati devono rispondere di corruzione e turbativa d’asta in pubblica amministrazione con l’aggravante di aver favorito il clan dei Casalesi. A quanto si apprende, dall’indagine della Dda di Napoli condotta dai pubblici ministeri Maresca e Giordano, emergerebbe il coinvolgimento di nomi di peso del panorama imprenditoriale e politico campano.

Nell’operazione del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Napoli, con il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia partenopea, sono coinvolti amministratori locali, funzionari pubblici, imprenditori, professori universitari, commercialisti, ingegneri e “faccendieri”, i quali sono accusati, a differente titolo, di corruzione ed altre gravi irregolarità nelle gare di appalto pubblico realizzate in varie province campane, talvolta anche al fine di agevolare organizzazioni criminali di tipo camorristico. L’operazione e’ stata ribattezzata dagli inquirenti ‘the queen’.

Articolo precedenteCastellammare, processo crac Multiservizi: un difetto di notifica “salva” De Vita
Articolo successivoUna tonnellata di marijuana sul gommone: due arresti