Napoli, confermate in appello le condanne ai due camorristi che ferirono l’agente Barbato a Fuorigrotta

Erano entrati in un negozio di giocattoli del quartiere di Napoli di Fuorigrotta e, dopo l’ennesima richiesta estorsiva, uno dei due sparo’ in un’autovettura in cui c’erano dei finti commessi dell’esercizio commerciale, in realta’ due poliziotti impegnati in una operazione antiracket. Ad avere la peggio fu l’agente Nicola Barbato, ferito gravemente e per alcuni giorni ricoverato in condizioni disperate. La Corte d’Appello di Napoli ha confermato la pena inflitta in primo grado: 14 anni a Raffaele Rende e 3 anni a Roberto Gerard. Quest’ultimo risponde solo del tentativo di estorsione nei confronti del negozio di giocattoli, mentre Rende anche del ferimento dell’agente di polizia. Barbato, che fu ferito in modo gravissimo alla testa e al collo da due colpi esplosi a distanza ravvicinata, in occasione dell’Anniversario della Fondazione della Polizia, accompagnato dalla famiglia, insieme al collega Giuseppe Tuccillo che era con lui quel giorno e che da allora e’ sempre al suo fianco, ha ricevuto la Medaglia d’oro al valor civile e la promozione per merito straordinario.