‘Ndrangheta nella curva della Juve: condannati a 20 anni di carcere Saverio e Rocco Dominello

Dodici anni e 1 mese per Saverio Dominello, 7 anni e 9 mesi per il figlio Rocco. Sono alcune delle pene comminate oggi a Torino nell’ambito del processo Alto Piemonte, sulle infiltrazioni della ‘Ndrangheta in Piemonte. In particolare, l’accusa per i Dominello e’ essersi infiltrati nella curva bianconera per gestire il traffico dei biglietti dello stadio. I pm Toso e Abbatecola avevano chiesto 12 anni per Saverio e 8 per Rocco. Tredici in totale le condanne, con pene comprese tra i 3 e i 15 anni.  Assolto Fabio Germani, tifoso bianconero accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. L’accusa aveva chiesto un totale di 112 anni di carcere. “Una pena esagerata, faremo appello”, commentano i difensori di Rocco Dominello, Ivano Chiesa e Domenico Putrino. “Non c’era nessuna prova per condannarlo, ne’ per l’associazione mafiosa ne’ per il tentato omicidio, per il quale il padre si era preso tutta la responsabilita’”. Soddisfatto Michele Galasso, avvocato di Germani. “Lui si giocava la vita – commenta il legale – E’ stato massacrato, ma ora la verita’ e’ venuta fuori”. 

Redazione Cronache della Campania