Crispano, traffico di cuccioli di cane: minacce al veterinario. Un arresto e una denuncia

I Carabinieri della Stazione di Crispano hanno eseguito un’ordinanza – emessa dal GIP su richiesta della Procura di Napoli Nord – di applicazione della misura cautelare, rispettivamente, degli arresti domiciliari nei confronti di una persona di anni 44 e dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria nei confronti di un ventunenne per i delitto di resistenza a pubblico ufficiale. Il provvedimento si inserisce nel contesto di un’articolata indagine coordinata dai magistrati della Procura della Repubblica di Napoli Nord – Gruppo tutela degli animali – concernente il traffico di animali di affezione, nell’ambito della quale, in data 13 luglio 2017, si era provveduto al sequestro 85 cuccioli di cane di razze diverse, rinvenuti in una
struttura a Cardito. l cani erano stati importati dall’Ungheria e il sequestro era avvenuto in relazione alle fattispecie criminose di traffico illecito di animali da compagnia, uccisione di animali, maltrattamento di animali e falso. l destinatari della misura in questione, secondo l’ipotesi accusatoria avvalorata dal provvedimento cautelare emesso dal GIP, sono accusati di aver usato minaccia nei confronti del medico veterinario nominato consulente tecnico del PM, allorché, in adempimento dell’incarico conferito – dopo l’accesso avvenuto il 3 agosto scorso nella struttura ave gli indagati si trovavano – si accingeva a eseguire rilievi fotografici degli animali e dello stato dei luoghi nonché a sottoporre a visita i cuccioli di cane che apparivano affetti da varie patologie.

Redazione Cronache della Campania