Sulle orme del campionissimo Fausto Coppi, e in vista delle celebrazioni per il 100esimo anniversario della nascita (1919), sono partiti questa mattina dalla Reggia di Caserta i ciclisti animatori della Grande Mitica 2019 che sperimenteranno in otto tappe il percorso Caserta-Castellania, citta’ natale di Fausto Coppi in provincia di Alessandria. Era presente il direttore Mauro Felicori. L’iniziativa riprende il percorso, realmente seguito da Coppi in bici, quando nel 1945 lascio’ Caserta per raggiungere la lontana cittadina piemontese. Il campionissimo, dopo gli anni trascorsi in un campo di prigionia in Nord Africa, fu liberato e destinato a Caserta come aiutante del tenente Tower della RAF. Appartenente al 38 Reggimento Fanteria Ravenna di Tortona,Coppi sbarco’ a Napoli dal piroscafo “Citta’ di Orano”; venne cosi’ scoperto dal giornalista Gino Palumbo, che in seguito diventera’ direttore della Gazzetta dello Sport, che lancio’ un appello sul giornale “La Voce”: “Date una bicicletta a Fausto Coppi”. Un falegname trentenne, Angelo D’Avino di Somma Vesuviana, porto’ cosi’ a Fausto presso la sede de “La Voce” una vecchia Legnano di colore verde; il campionissimo ricomincio’ a pedalare, si alleno’ per alcuni mesi sulle pendici del Vesuvio e poi, il 30 aprile, parti’ in bici verso la sua Castellania, riuscendo in cinque giorni a coronare la sua impresa. Una storia epica, che il giornalista Marco Albino Ferrari nel 2011 ha ripercorso in bicicletta trasformandola in un prezioso reportage dal titolo “Sulle tracce di Fausto Coppi da Caserta a Castellania”, che il quotidiano “La Stampa” di Torino ha pubblicato in otto puntate. Ora alcuni amici appassionati di biciclette hanno deciso di ripetere quell’avventura; otto le tappe dal 3 al 10 agosto. La prima tappa sara’ Caserta-Gaeta, la seconda a Roma, le tappe successive seguiranno il litorale fino a La Spezia, sede della sesta tappa. L’ultima frazione, la piu’ difficile e la piu’ lunga, portera’ i ciclisti da Chiavari a Castellania. L’arrivo e’ previsto per le ore 17 di giovedi’ 10 agosto a Castellania davanti al mausoleo di Fausto e Serse Coppi. 

Sebastiano Vangone