Benevento: al peggio non c’è fine

Il Benevento perde per 1-0 contro l’Atalanta la sua 14esima gara di fila in serie A nel posticipo di stasera. Un successo, quello degli orobici maturato solo nel finale di gara. I tre punti mancavano in Serie A dal 25 ottobre scorso e la vittoria ha permesso di agganciare il Torino a quota 19 punti, al decimo posto in classifica. Bella in coppa, un po’ meno quest’anno in campionato, la squadra di Gasperini stasera si e’ rituffata in clima italiano dopo la scorpacciata di gol in casa dell’Everton (5-1) e proprio la brillante prova in terra inglese ha spinto il tecnico di Grugliasco a confermare nove undicesimi delle formazione scesa in campo dal primo minuto in Europa League. Un Benevento volenteroso, invece, ha cercato invano i suoi primi punti e anche stasera allo Stadio Atleti Azzurri d’Italia ha confermato soprattutto in fase difensiva quanto di buono aveva mostrato nelle precedenti prove piu’ recenti contro Juventus e Sassuolo, ma e’ mancato ancora una volta in zona gol anche se per poco non sono stati proprio i giallorossi di Roberto De Zerbi a sbloccare la sfida con la piu’ grossa occasione del primo tempo, al 40′, quando Armenteros, con un grande stacco su cross dalla destra di Venuti, ha scaldato le mani di Berisha. Prima e dopo e’ stata l’Atalanta a condurre le danze e a provarci con una serie di giocate pericolose: l’azione migliore e’ stata il tiro-cross di Gomez non agganciato dal danese Cornelius probabilmente in posizione irregolare.

Migliore dei suoi nel primo tempo, Armenteros ha dovuto abbandonare la gara all’intervallo per un forte mal di stomaco, mentre con il passare dei minuti Gasperini ha provato a vincere la partita a tutti i costi: prima ha tolto un difensore, Toloi, per mettere dentro Ilicic, quindi ha buttato nella mischia anche Petagna al posto di un poco incisivo Cornelius, ma e’ stato un difensore come Masiello al 20′ a dare l’illusione del gol alla tifoseria atalantina quando ha battuto al volo in area su assist del Papu Gomez colpendo solamente l’esterno della rete. Un Benevento che sembrava con il passare dei minuti aver guadagnato qualche metro di campo e’ invece stato punito alla mezzora da un errore a centrocampo: in pressione su Puscas e Lombardi, l’Atalanta ha recuperato palla e Ilicic ha messo in movimento Cristante che con una rasoiata dal limite dell’area ha trafitto Brignoli. Atalanta che con questa vittoria si e’ rilanciata al centro della classifica, mentre il Benevento sempre piu’ in crisi vede gia’ alle spalle lo spettro della Serie B.
ATALANTA-BENEVENTO 1-0
ATALANTA (3-4-2-1): Berisha 6; Toloi 6 (7′ st Ilicic 6.5), Caldara 6, Masiello 6; Castagne 6, De Roon 5.5, Freuler 6, Hateboer 6; Cristante 6.5, Gomez 6.5 (45′ st Palomino sv); Cornelius 5.5 (15′ st Petagna 6). In panchina: Rossi, Gollini, Orsolini, Gosens, Vido, Kurtic, Mancini, Haas, Joao . Allenatore: Gasperini 6.5 . BENEVENTO (4-3-3): Brignoli 6; Venuti 6, Djimsiti 6, Costa 5.5, Di Chiara 6; Chibsah 6 (35′ st Memushaj sv), Del Pinto 5.5, Cataldi 6; Lombardi 5, Armenteros 6.5 (1′ st Puscas 5), D’Alessandro 5.5 (21′ st Kanoute’ sv). In panchina: Belec, Coda, Viola, Gyamfi, Antei, Gravillon, Donnarumma, Brignola. Allenatore: De Zerbi 5.5. ARBITRO: Pasqua di Tivoli 6.
RETE: 30′ st Cristante. NOTE: serata fredda, terreno in ottime condizioni. Ammoniti: Costa, Venuti, De Roon. Angoli: 9-3 per l’Atalanta. Recupero: 0′, 4′.