Domani sfida in tv su Gomorra: la storia di Paolo Di Lauro a Rai Storia, le prime due puntate di Gomorra 3 su Sky

 

Sarà una sfida quasi senza precedenti quella di domani sera in tv tra la Rai e Sky. Alle 21,10 su Rai Storia la quarta puntata di ‘Le origini di Gomorra’ dedicate a Paolo Di Lauro, il famoso Ciruzzo ‘o milionario boss di Secondigliano che ha ispirato il don Pietro Savastano di Gomorra-la serie. E invece quasi alla tessa ora Sky Atlantic trasmette le prime due puntate dell’attesissima terza serie della fiction tratta dal libro di Roberto Saviano.
In Rai si racconta la storia dei Di Lauro. Centinaia di società intestate a suoi prestanome, un traffico di droga così imponente da trasformare Scampia nella più grande piazza di spaccio di tutta Europa con un giro di soldi complessivo di oltre mille miliardi di lire all’anno. Per oltre vent’anni quest’uomo schivo e solitario ha costruito un impero economico senza precedenti. Eppure nessuno sapeva che faccia avesse. Nessuno lo aveva mai visto in pubblico. È Paolo Di Lauro, protagonista di ‘Le origini di Gomorra’, in onda domani alle 21.10 su Rai Storia.Di Lauro non era arrogante come Cutolo, né alla moda come Giuliano. E neppure sanguinario come Sandokan. Di lui si racconta che amasse contare i soldi più che sparare. Ma da dove veniva Di Lauro? Anche lui, come altri, dai soldi del post terremoto e dal silenzio terribile della politica, che pur sapendo, non ha mosso un dito. La guida, in questo viaggio alla scoperta del boss ‘invisibile’, è la giornalista Conchita Sannino.
Imbolsito, dimesso, Ciro l’immortale e’ l’ombra di se stesso: ha premuto il grilletto contro don Pietro Savastano, ha seppellito sua figlia e porta il peso delle sue scelte. Genny e’ il nuovo capo della ‘famiglia’, e’ diventato padre, ma deve fare i conti con l’isolamento e la diffidenza che accompagnano le nuove responsabilita’.
E’ la discesa agli inferi dei due personaggi chiave, interpretati da Marco D’Amore e Salvatore Esposito, di Gomorra, la serie prodotta da Sky Atlantic, Cattleya e Fandango in collaborazione con Beta Film, che torna con la terza stagione sempre domani sera(su Sky Atlantic HD e Sky on Demand) dopo il graden successo di due puntate trasmesse nei giorni scorsi al cinema in anteprima. La terza stagione, sottolinea Roberto Saviano, “allarga lo sguardo alle Scampie d’Europa, alle periferie che vivono tutte la stessa dimensione. La speranza e’ nel racconto, nella possibilita’ che l’Italia, raccontandosi, sia riuscita a trovare un modello di analisi del potere”.