Primo sequestro di botti pericolosi: 400 chili nel box. In manette il bombarolo. IL VIDEO

400 kg. di batterie, botti e ordigni esplosivi realizzati artigianalmente erano stati stipati nel garage di un 63enne di Teverola. Accanto al materiale esplosivo ed esplodente c’era anche un apparecchio elettrico temporizzato per dare il via a distanza all’accensione delle batterie. È la scoperta dei carabinieri della compagnia di Casoria che, nel corso dei servizi […]

Articolo precedenteTorre del Greco, spara a salve contro le ragazze che avevano picchiato la figlia: denunciato
Articolo successivoSpaccio a Mugnano di Napoli: ai domiciliari due giovani di 20 e 23 anni