Castellammare. Raid a scuola, preso l’aggressore: si cerca il complice

A distanza di una settimana dal raid punitivo all’interno dell’istituto Luigi Sturzo di Castellammare di Stabia gli agenti del commissariato di Polizia hanno eseguito un decreto di fermo nei confronti del 39enne stabiese G.S. protagonista di un’aggressione ai danni di un genitore 41enne mentre era a scuola per un incontro con i docenti sul profitto scolastico del figlio. Ad incastrare il 39enne ed il suo complice è stato il sistema di videosorveglianza all’interno della scuola. Dalle immagini si vedono due persone entrare all’interno dell’androne, la vittima che si avvicina per salutare e poi l’aggressione violenta ai danni di A.M. e il sangue che inizia a scorrere sul pavimento. Sabato gli agenti, alla guida del dirigente Paolo Esposito, hanno eseguito il fermo nei confronti dell’aggressore materiale accusato di lesioni gravissime. Intanto è scattata la caccia al suo complice. Gli inquirenti si sono concentrati anche sul movente senza scartare alcuna pista, partendo dalla vendetta per una banale lite, passando per le questioni passionali o personali.