Torre Annunziata  è il primo comune della provincia di Napoli ad adottare il divieto anti prostituzione. Da qualche giorno fa bella mostra di se in via Sant’Antonio al confine con Pompei il cartello con il divieto.Da agosto dello scorso anno nonostante sia stata adottata dal comune l’ordinanza anti lucciole che prevede multe fino a 516 euro per i clienti che si fermano con le prostitute per strada il fenomeno non è affatto diminuito. Alla famosa Croce Pasella al confine tra i due comuni e a poche centinaia di metri dall’ingresso principale degli Scavi di Pompei c’è un via via continuo di squillo sia nelle ore mattutine sia in quelle notturne. Ora è comparso anche il segnale: ma le prostitute continuano ad esserci.

Redazione Cronache della Campania