Colpo di pistola contro il commissariato di polizia di Pianura: per la Questura non è un attacco allo Stato

Un’ altra sfida allo Stato o un errore ? La polizia sta indagando su un colpo, molto probabilmente di pistola, ha colpito, forse di rimbalzo, il portone del commissariato del quartiere Pianura . L’ogiva, la cui corsa sarebbe stata rallentata dall’impatto contro un new jersey che si trova di fronte al commissariato, non si è conficcata nel portone. La polizia sta già passando al setaccio le immagini delle telecamere della struttura ma anche di tutte quelle private e pubbliche della zona per cercare di capire da dove è partito il colpo. E se soprattutto l”avvertimento” era diretto alle forze di polizia o si è trattato di un errore nel corso di una “stesa” dei clan della camorra della zona. Quella a ovest di Napoli e la zona flegrea sono attraversate in questi mesi da un cruenta faida tra l’alleanza di camorra composta dal cartello dei Soraniello-Lago-Romano- Giannelli e i Vigilia-Pesce -Marfella dall’altra. Scontro che ha già lasciato sul selciato sul campo una mezza dozzina di morti e numerosi feriti dall’inzio dell’anno ad oggi. Chi ha sparato lo ha fatto da lontano e non voleva colpire il commissariato: è quanto fa sapere la Questura di Napoli dopo i primi rilievi eseguiti sul ritrovamento a terra, davanti al commissariato del quartiere Pianura di Napoli di un colpo di pistola. L’ogiva non si è conficcata nel muro perimetrale del commissariato e questo sarebbe riconducibile, presumibilmente, al fatto che l’ogiva proveniva da molto lontano oppure perché qualcosa ha frenato la sua corsa, come l’impatto con qualche ostacolo. Nessuno, nella zona circostante, si apprende sempre dalla Polizia, avrebbe sentito il rumore dell’esplosione.

Redazione Cronache della Campania