La Procura di Torre Annunziata ha aperto un’indagine sulla morte di un neonato figlio di una coppia oplontina, morto all’ospedale Monaldi di Napoli solo sette ore dopo la sua nascita avvenuta domenica pomeriggio all’ospedale San Leonardo di Castellammare. E’ stata la famiglia a presentare la enuncia al commissariato di polizia di Torre Annunziata per chiedere la verità su una mote che è apparsa incomprensibile. Secondo il racconto fatto dall’uomo ai poliziotti  la moglie dopo essere stata ricoverata  nella giornata di venerdì scorso al San Leonardo di Castellammare nella giornata di domenica le viene somministrata dell’ossitocina per favorire la dilatazione dell’utero. La donna chiede una anestesia epidurale perché vuole essere sottoposta al taglio cesareo. Le viene risposto che l’anestesista di domenica non c’è. Da quel momento cominciano i problemi. La donna viene portata in sala parto. E tra non poche difficoltà il piccolo Salvatore viene alla luce intorno alle 15. Ma i medici si accorgono subito che qualcosa non va tanto da non fare vedere il neonato alla mamma. Dopo alcuni tentativi di rianimarlo alle 17 il neonato viene portato in ambulanza al Monaldi ma alle 20 il piccolo salvatore muore. Ora la famiglia vuole la verità.

Ciro Serrapica

Ciro Serrapica