Fincantieri, De Luca bacchetta anche i sindacati: “Non possiamo più permetterci i lussi…”

Il governatore della regione Campania, Vincenzo De Luca, a proposito della Fincantieri di Castellammare si rivolge alle organizzazioni sindacali di categoria chiedendo di fare anche con queste un ragionamento serio. “Noi ci stiamo trascinando dei lussi – dice – che il mondo contemporaneo non consente piu’. Perche’ se noi dobbiamo mantenere i lussi, dobbiamo sapere che nei cantieri navali arrivano lavoratori cingalesi, pachistani, indiani che ci travolgono”. Piu’ che mai, ora, prosegue, occorre definire un programma serio che “avevamo definito con Fincantieri e che non e’ andato avanti”. “Occupiamo il 2016 con piccoli interventi da fare – elenca De Luca – una nave oceanografica, gia’ programmata, per la quale la Regione Campania investiva 50milioni di euro. L’operazione non e’ andata avanti – puntualizza – perche’ le risorse del Cnr, abbiamo scoperto, erano scomparse”. “Perlomeno, allora, manteniamo l’impegno assunto per la primavera 2017 – continua – di realizzare una nave duale nel porto di Castellammare: stiamo parlando della nave piu’ grande della Marina militare italiana, per uso militare ma anche per uso protezione civile e quant’altro”. “E’ un lavoro che dura due anni e mezzo, tre anni, che da serenita’ alle maestranze, che e’ un intervento di grande qualita’, dove abbiamo bisogno di tecnologie nuove, di elettronica avanzata, dove avremo bisogno dei ragazzi formati negli Its”. “Una grande opportunita’ – conclude il governatore – che chiediamo sia tenuta ferma dalla Fincantieri evitando, diciamo, distrazioni magari a vantaggio di Monfalcone o Sestri Levante”.

 Girolamo Serrapica

Girolamo Serrapica