Castellammare, al San Leonardo le diagnosticano un torcicollo, ma la bambina ha un tumore

“Le dia un’antinfiammatorio, è solo un torcicollo”. Con queste parole i medici dell’ospedale San Leonardo avevano congedato dalla struttura del viale Europa una bambina di 5 anni portata al pronto soccorso dalla madre. Un forte dolore al collo fino a raggiungere la testa. ma qualche giorno dopo i genitori di Chiara hanno scoperto, all’ospedale Gaslini di Genova, che la loro piccola bambina aveva un tumore al cervello. Un’errore, incredibile, ora è stato segnalato alle autorità e si è trasformato in un’indagine del ministero della Salute, dopo che il caso è stato denunciato da un legale genovese con cui la famiglia della piccola è entrata in contatto, mentre i colleghi del papà carabiniere si sono mobilitati con una colletta per consentire all’intera famiglia di stabilirsi in Liguria e provare a lottare. La famiglia stabiese,come racconta il quotidiano Il Roma, da inizio anno vive a Genova per curare la bimba e provare la dura lotta contro il cancro. Al Gaslini di Genova i medici la rincuorano e Chiara a volte sorride, prima di fare la Tac, dice alla mamma che è l’ora dell’esame oppure che bisogna prendere “le medicine”: Chiara sa di non stare bene come prima, anche se non ha compiuto neppure 5 anni e nessuno ha potuto spiegarle cosa le è successo davvero. I genitori sanno che la battaglia contro quel male, e soprattutto nella zona del cervello, è difficilissima da vincere ma grazie al supporto di amici, colleghi e familiari stanno supportando la loro bimba nelle cure giornaliere. Sono ancora esterefatti che una malattia così grave sia stata scambiata per un banale torcicollo.

Ciro Serrapica