Inchiesta ‘Mal Comune’, lo staffista del sindaco di Scafati rimarrà sospeso

Furbetti del cartellino a Scafati: lo staffista Giovanni Cozzolino rimarrà sospeso. Il Tribunale del Riesame ha rigettato la richiesta di revoca della sospensione dal servizio, applicata dal Gip Paolo Valiante, alla fine di settembre scorso. Lo staffista al quale era stata comminata la sospensione dal servizio per sei mesi era finito nell’inchiesta ‘Mal Comune’ della Guardia di Finanza della Compagnia di Scafati per essersi allontanato più volte, durante l’orario di lavoro, dal Comune. A passeggio per la città o a prendere un caffè, i finanzieri lo avevano seguito e controllato. Proprio ieri, a Cozzolino e agli altri 14 indagati per truffa ai danni dello Stato, era stato notificato l’avviso di conclusione delle indagini inviato dal sostituto procuratore, Amedeo Sessa, della Procura di Nocera Inferiore. Secondo il Riesame, è blindato il quadro accusatorio e le prove raccolte dai finanzieri nel corso delle indagini. Cozzolino rimarrà sospeso fino ad una reoca disposta dall’autorità giudiziaria. Cozzolino, staffista del sindaco Angelo Pasqualino Aliberti, è anche indagato nell’inchiesta della Dda di Salerno sulle collusioni tra politica e camorra.

Redazione Cronache della Campania