Un gesto estremo, disperato ma nel suo biglietto di addio ci ha tenuto a far sapere a tutti:”Non sono un vigliacco”. Poi è sceso nel garage e si è impiccato. E’ la triste fine di E.P. piccolo imprenditore di Pianura che nel tardo pomeriggio di oggi si è suicidato nel garage della sua abitazione in via Parroco Giustino Russolillo. Il 54enne ha lasciato una lettera piena di amore per la famiglia, dove l’uomo sottolinea di amare la vita ma di non farcela più, spiegando di aver subito troppe ‘umiliazioni’ .L’uomo aveva un negozio di articoli sportivi e di un decreto ingiuntivo arrivato di recente lo avrebbe messo in difficoltà economica in via definitiva tanto da decidere di farla finita. E così dopo aver scritto la lettera alla famiglia si è stretto al collo una corda, arrampicandosi su di una piccola scaletta e poi si è lascato penzolare fino a soffocare.Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118, che non hanno potuto far altro che constatare il decesso, e le volanti della Polizia. Il 54enne, descritto dai vicini di casa come un grande lavoratore.

Redazione Cronache della Campania