Ucciso per un debito non pagato: la Cassazione annulla la condanna per Sorriento

La Corte di Cassazione ha annullato la condanna per il muratore di Baiano, Santolo Sorriento, ritenuto responsabile dell’omicidio di Benito Fusco Petrillo, ucciso a seguito di 22 coltellate. Aveva ricevuto in secondo grado uno sconto di pena. Infatti il tribunale partenopeo aveva riconosciuto al muratore di Avella era stato concesso il riconoscimento del vizio parziale […]

Articolo precedenteLe motivazioni per l'omicidio dell'ultrà di Nocera: ''Ferraro è colpevole, ma non voleva uccidere Dario''
Articolo successivoUn giudice di Firenze nega la scarcerazione a tre cittadini dello Sri Lanka perchè 'vivono a Napoli'